Skip to content

La Leggenda Nera

20 giugno 2009

ROMA, venerdì, 12 giugno 2009 (ZENIT.org).- E’ un Rabbino statunitense, fino al settembre del 2008 aveva sollevato dubbi sull’idoneità per la beatificazione di Pio XII, mentre adesso prega per il Pontefice e propone di riconoscere Papa Pacelli come santo. – continua su

http://www.zenit.org/rssitalian-18602

Però alcuni recenti incontri con ”rappresentanti delle organizzazioni ebraiche”come l’Antidefamation League,  ‘gli hanno detto chiaro e tondo ” che se fara’ qualcosa in favore di Papa Pacelli i rapporti tra Chiesa Cattolica ed ebrei saranno definitivamente e permanentemente compromessi”.

”La procedura nei confronti di Pio XII – ha aggiunto il rabbino – riguarda prima di tutto un problema interno della Chiesa. E’ evidentemente qualche cosa di troppo sofferto, che divide la Chiesa stessa”. Tuttavia, padre Gumpel insiste. Il Papa non e’ ”assolutamente” contro Pio XII, ha assicurato il gesuita. ”So per conoscenza diretta e personale – ha spiegato – che Ratzinger ha grande ammirazione e stima per Papa Pacelli, anche in considerazione di cio’ che ha fatto per gli ebrei”. Il motivo per cui Ratzinger non pone ancora la sua firma, ha quindi chiarito, e’ che ”vuole fare di tutto per favorire migliori rapporti con gli ebrei. Questo e’ molto lodevole, ma una riconciliazione deve avvenire con il contributo di entrambe le parti”.

http://www.ansa.it/opencms/export/site/notizie/rubriche/daassociare/visualizza_new.html_991287062.html

Pio XII

Pio XII

Alcune testimonianze di Rabbini in favore di Papa Pio XII

«I ripetuti interventi dei Santo Padre in favore delle comunità ebraiche in Europa evocano un profondo sentimento di apprezzamento e gratitudine da parte degli ebrei di tutto il mondo”.

Rabbino Maurice Perizweig, direttore del World Jewish Congress

«Il mio parere è che il pensare che Pio XII potesse esercitare un influsso su un minorato psichico qual era Hitler poggi sulla base di un malinteso. Se il Papa avesse solo aperto bocca, probabilmente Hitler avrebbe trucidato molti di più dei sei milioni di ebrei che eliminò, e forse avrebbe assassinato centinaia di milioni di cattolici, solo se si fosse convinto di aver bisogno di un tale numero di vittime. Siamo prossimi al 9 novembre, giorno in cui ricorre il venticinquesimo anniversario della Notte dei Cristalli; in tal giorno noi ricorderemo la protesta fiammeggiante che Pio XII elevò a suo tempo. Egli divenne intercessore contro gli orrori che a quel tempo commossero il mondo intero»

Dichiarazione del gran Rabbino di Danimarca, dott. Marcus Melchior, riportata da KNA (agenzia di stampa danese), dispaccio n. 214, 5 novembre 1963

http://apologetica.altervista.org/pio_xii.htm

Pio IX vedeva nell’attacco al potere temporale un mezzo per eliminare quello spirituale. 20 giugno 1859 enciclica Ad Gravissimum: «I nemici della Chiesa Romana, qualora questa fosse spogliata del suo patrimonio, potrebbero deprimere ed abbattere la dignità e la maestà della Sede Apostolica e del Romano Pontefice, e più liberamente arrecare grandissimo danno e muovere asperrima guerra alla santissima Religione, e abbattere dalle fondamenta questa stessa Religione, se fosse possibile. A tale scopo, in verità, mirarono sempre e tuttora mirano le inique macchinazioni e frodi di quegli uomini che cercano di abbattere il dominio temporale della Chiesa Romana».


«Nessuno poi ignora a cosa principalmente mirino sempre codesti odiatori del Principato civile della Sede Apostolica, né ciò che essi vogliono né ciò che desiderano. Certamente tutti sanno come, per singolare consiglio della divina Provvidenza, è avvenuto che in tanta moltitudine e varietà di Principi secolari, anche la Chiesa Romana avesse un dominio temporale soggetto a nessun’altra potestà, affinché il Romano Pontefice, Sommo Pastore di tutta la Chiesa, senza essere sottoposto a nessun Principe potesse con assoluta libertà esercitare in tutto l’Orbe il supremo potere e la suprema autorità, a lui data da Dio, di pascere e reggere l’intero gregge del Signore, e nello stesso tempo propagare più facilmente di giorno in giorno la divina Religione, e sopperire ai varii bisogni dei fedeli, e prestare opportuni aiuti a coloro che chiedono, procurare tutti gli altri beni, i quali secondo i tempi e le circostanze fossero da lui riconosciuti capaci di portare maggiore utilità a tutta la repubblica cristiana». (Pio IX, Ad gravissimum, 20 giugno 1859)

http://www.kattoliko.it/leggendanera/modules.php?name=News&file=article&sid=1626

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: