Skip to content

G8, economia e valori

9 luglio 2009

All’udienza generale del mercoledì il Papa ha spiegato la sua enciclica che “possa aiutare l’umanità a sentirsi un’unica famiglia, impegnata nel realizzare un mondo di giustizia e pace”(BenedettoXVI).

Benedetto XVI aveva già parlato dell’economia,  in ‘I rischi dell’attivismo e della secolarizzazione’.

Oggi il secondo giorno del G8. Nell’ordine del giorno: paesi poveri e clima. Diamo uno stralcio dell’introduzione dell’enciclica di Benedetto XVI: caritas in veritate.

La carita ‘nella verita’, di cui Gesu` Cristo
s’e` fatto testimone con la sua vita terrena e, soprattutto,
con la sua morte e risurrezione, e` la principale forza
propulsiva per il vero sviluppo di ogni persona e dell’umanita`
intera. L’amore – caritas – e` una forza
straordinaria, che spinge le persone a impegnarsi con
coraggio e generosita` nel campo della giustizia e della
pace. E`una forza che ha la sua origine in Dio, Amore
eterno e Verita` assoluta. Ciascuno trova il suo bene
aderendo al progetto che Dio ha su di lui, per realizzarlo
in pienezza: in tale progetto infatti egli trova la
sua verita` ed e` aderendo a tale verita` che egli diventa
libero (cfr Gv 8, 22). Difendere la verita`, proporla con
umilta` e convinzione e testimoniarla nella vita sono
pertanto forme esigenti e insostituibili di carita`. Questa,
infatti, « si compiace della verita` » (1 Cor 13, 6). Tutti gli
uomini avvertono l’interiore impulso ad amare in modo
autentico: amore e verita` non li abbandonano mai
completamente, perche´ sono la vocazione posta da Dio
nel cuore e nella mente di ogni uomo. Gesu` Cristo
purifica e libera dalle nostre poverta` umane la ricerca
dell’amore e della verita` e ci svela in pienezza l’iniziativa
di amore e il progetto di vita vera che Dio ha
preparato per noi. In Cristo, la carita` nella verita` diventa
il Volto della sua Persona, una vocazione per noi ad
amare i nostri fratelli nella verita` del suo progetto. Egli
stesso, infatti, e` la Verita` (cfr Gv 14, 6).

La carita` e` la via maestra della dottrina sociale
della Chiesa. Ogni responsabilita` e impegno delineati
da tale dottrina sono attinti alla carita` che, secondo
l’insegnamento di Gesu`, e` la sintesi di tutta la Legge
(cfr Mt 22, 36-40). Essa da` vera sostanza alla relazione
personale con Dio e con il prossimo; e` il principio non
solo delle micro-relazioni: rapporti amicali, familiari, di
piccolo gruppo, ma anche delle macro-relazioni: rapporti
sociali, economici, politici. Per la Chiesa – ammaestrata
dal Vangelo – la carita` e` tutto perche´, come
insegna san Giovanni (cfr 1 Gv 4, 8.16) e come ho
ricordato nella mia prima Lettera enciclica, «Dio e` carita`
» (Deus caritas est): dalla carita` di Dio tutto proviene, per
essa tutto prende forma, ad essa tutto tende. La carita` e` il
dono piu` grande che Dio abbia dato agli uomini, e`
sua promessa e nostra speranza.
Sono consapevole degli sviamenti e degli svuotamenti
di senso a cui la carita` e` andata e va incontro,
con il conseguente rischio di fraintenderla, di estrometterla
dal vissuto etico e, in ogni caso, di impedirne la
corretta valorizzazione. In ambito sociale, giuridico, culturale,
politico, economico, ossia nei contesti piu` esposti
a tale pericolo, ne viene dichiarata facilmente l’irrilevanza
a interpretare e a dirigere le responsabilita` morali. Di
qui il bisogno di coniugare la carita` con la verita` non
solo nella direzione, segnata da san Paolo, della « veritas
in caritate» (Ef 4, 15), ma anche in quella, inversa e
complementare, della « caritas in veritate ». La verita` va
cercata, trovata ed espressa nell’« economia » della carita`,
ma la carita` a sua volta va compresa, avvalorata e praticata
nella luce della verita`. In questo modo non avremo
solo reso un servizio alla carita`, illuminata dalla
verita`, ma avremo anche contribuito ad accreditare la
verita`, mostrandone il potere di autenticazione e di persuasione
nel concreto del vivere sociale. Cosa, questa, di
non poco conto oggi, in un contesto sociale e culturale
che relativizza la verita`, diventando spesso di essa incurante
e ad essa restio.

Per un commento sull’enciclica del papa, possiamo leggere un intervista del Cardinale Martino su Avvenire

“In effetti, la crisi finanziaria ed economica che ha colpito i Paesi industrializzati, quelli emergenti e quelli in via di sviluppo, mostra in modo evidente come siano da ripensare certi paradigmi economico-finanziari che sono stati dominanti negli ultimi anni. Bene ha fatto, quindi, la vostra Fondazione ad affrontare, nel Convegno internazionale svoltosi ieri, il tema della ricerca e della individuazione di quali siano i valori e le regole a cui il mondo economico dovrebbe attenersi per porre in essere un nuovo modello di sviluppo più attento alle esigenze della solidarietà e più rispettoso della dignità umana.” BendettoXVI-una visione dell’economia moderna

Quando gli uomini impareranno che la vita è sacra? Angelus 5luglio 2009

Cari fratelli e sorelle!

In passato la prima domenica di luglio si caratterizzava per la devozione al Preziosissimo Sangue di Cristo. Alcuni miei venerati Predecessori nel secolo scorso la confermarono, e il beato Giovanni XXIII, con la Lettera Apostolica Inde a primis (30 giugno 1960), ne spiegò il significato e ne approvò le Litanie. Il tema del sangue, legato a quello dell’Agnello pasquale, è di primaria importanza nella Sacra Scrittura. L’aspersione col sangue degli animali sacrificati rappresentava e stabiliva, nell’Antico Testamento, l’alleanza tra Dio e il popolo, come si legge nel libro dell’Esodo: “Allora Mosè prese il sangue e ne asperse il popolo dicendo: Ecco il sangue dell’alleanza che il Signore ha concluso con voi sulla base di tutte queste parole!” (Es 24,8).

A questa formula si rifà esplicitamente Gesù nell’Ultima Cena, quando, offrendo il calice ai discepoli, dice: “Questo è il mio sangue dell’alleanza, che è versato per molti per il perdono dei peccati” (Mt 26,28). Ed effettivamente, a partire dalla flagellazione, fino alla trafittura del costato dopo la morte di croce, Cristo ha versato tutto il suo sangue, quale vero Agnello immolato per la redenzione universale. Il valore salvifico del suo sangue è affermato espressamente in molti passi del Nuovo Testamento. Basti citare, in questo Anno Sacerdotale, la bella espressione della Lettera agli Ebrei: “Cristo… entrò una volta per sempre nel santuario, non mediante il sangue di capri e di vitelli, ma in virtù del proprio sangue, ottenendo così una redenzione eterna. Infatti, se il sangue dei capri e dei vitelli e la cenere di una giovenca, sparsa su quelli che sono contaminati, li santificano purificandoli nella carne, quanto più il sangue di Cristo – il quale, mosso dallo Spirito eterno, offrì se stesso senza macchia a Dio – purificherà la nostra coscienza dalla opere di morte, perché serviamo al Dio vivente?” (9,11-14).

Cari fratelli, sta scritto nella Genesi che il sangue di Abele, ucciso dal fratello Caino, grida a Dio dalla terra (cfr 4,10). E purtroppo, oggi come ieri, questo grido non cessa, perché continua a scorrere sangue umano a causa della violenza, dell’ingiustizia e dell’odio. Quando impareranno gli uomini che la vita è sacra e appartiene a Dio solo? Quando comprenderanno che siamo tutti fratelli? Al grido per il sangue versato, che si eleva da tante parti della terra, Dio risponde con il sangue del suo Figlio, che ha donato la vita per noi. Cristo non ha risposto al male con il male, ma con il bene, con il suo amore infinito. Il sangue di Cristo è il pegno dell’amore fedele di Dio per l’umanità. Fissando le piaghe del Crocifisso, ogni uomo, anche in condizioni di estrema miseria morale, può dire: Dio non mi ha abbandonato, mi ama, ha dato la vita per me; e così ritrovare speranza. La Vergine Maria, che sotto la croce, insieme con l’apostolo Giovanni, raccolse il testamento del sangue di Gesù, ci aiuti a riscoprire l’inestimabile ricchezza di questa grazia, e a sentirne intima e perenne gratitudine.

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: