Skip to content

“Cerca la gioia nel tuo Signore”

7 agosto 2009

Dal Vangelo secondo Matteo 16,24-28
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: “Se qualcuno vuol venire dietro a me rinneghi se stesso, prenda la sua croce e mi segua. Perché chi vorrà salvare la propria vita, la perderà; ma chi perderà la propria vita per causa mia, la troverà.
Qual vantaggio infatti avrà l’uomo se guadagnerà il mondo intero, e poi perderà la propria anima? O che cosa l’uomo potrà dare in cambio della propria anima? Poiché il Figlio dell’uomo verrà nella gloria del Padre suo, con i suoi angeli, e renderà a ciascuno secondo le sue azioni.
In verità vi dico: vi sono alcuni tra i presenti che non morranno finché non vedranno il Figlio dell’uomo venire nel suo regno”.

commento (a cura di Shemà)

Vorrei commentare questo passo del vangelo per un altra strada da quella indicata, la croce, e invece dire due parole su gioia e tristezza.

Sal 37,4 Cerca la gioia del Signore,
esaudirà i desideri del tuo cuore.

Lasciarsi amare o salvare non è affatto un atteggiamento scontato. Questo gesto di libertà può costare molto più di quanto immaginiamo. Accettare da qualcun altro la nostra liberazione o salvezza non è sempre semplice; anche se parliamo di persone che diciamo affidabili, e non a quelli di cui semplicemente non ci fidiamo. Chiedere aiuto richiede umiltà.

Anche la gioia è una questione di libertà.

Anche chiedere aiuto a Dio, richiede uno sforzo di umiltà. Non è facile rivolgersi a Dio per chiedere aiuto. Spesso preghiamo e gli  chiediamo aiuto ma la nostra preghiera non è sincera, e nasconde la superbia e l’incredulità. Pregare Dio nella fiducia che egli ricompensa chiunque lo cerca, essere disposti a fare la sua volontà, chiedendo prima il suo regno Lc 12,31.

Se alcuno non trova motivo di gioia in nessuna cosa non vuol dire essere riluttante a qualsiasi motivo di gioia.

Non  qualsiasi tristezza è chiusura alla grazia e a qualsiasi intervento dall’esterno nei nostri confronti.

2Cor 7,10 “perché la tristezza secondo Dio produce un pentimento irrevocabile che porta alla salvezza, mentre la tristezza del mondo produce la morte.”

Infatti nelle questioni che riguardano Dio, possiamo trovare in molti anche risentimento, e resistenze di ogni tipo e addirittura odio, “perché  nessuno può amare Dio che non vede se non ama il fratello che vede” 1Gv4,20.

Possiamo trovare gioia in Dio, solo se accompagnata dalla gioia nel fratello.

Tuttavia questa gioia non deriva dalle opere.

Essa deriva dalla riconciliazione operata dalla grazia, che fa di molti un corpo solo.

Se molte volte, a causa nostra, non possiamo essere liberati nella prova, ci sono casi in cui non troviamo l’aiuto che cerchiamo, perché circondati solo da pericoli:

Sir 19,23C’è il malvagio curvo nella sua tristezza,
ma il suo intimo è pieno di inganno”

Molte lotte dobbiamo sostenere ogni giorno contro qualcuno o qualcosa, che ci insidia, ma lo scoraggiamento non può essere l’ultima parola; essa è un alibi per il malvagio:

Sir 30,21Non abbandonarti alla tristezza,
non tormentarti con i tuoi pensieri”.

Sir 30,23”La malinconia ha rovinato molti,
da essa non si ricava nulla di buono.”

Quale può essere la nostra speranza?

Sal 27,14 Spera nel Signore, sii forte,
si rinfranchi il tuo cuore e spera nel Signore.”

Ma il mondo giace tutto sotto il maligno, 1Gv 5,19 ,come trovare la speranza in un mondo di peccato, di odio e di divisioni?

“Se qualcuno vuol venire dietro a me rinneghi se stesso, prenda la sua croce e mi segua.

Quale può essere il riscatto dell’uomo e della sua vita?

“Perché chi vorrà salvare la propria vita, la perderà; ma chi perderà la propria vita per causa mia, la troverà.”

La vita dell’uomo è Dio, è Cristo:

Rm 5,8Ma Dio dimostra il suo amore verso di noi perché, mentre eravamo ancora peccatori, Cristo è morto per noi.”

Rm 6,23Perché il salario del peccato è la morte; ma il dono di Dio è la vita eterna in Cristo Gesù nostro Signore.”

Fil 1,21Per me infatti il vivere è Cristo e il morire un guadagno.”

Ma vivere secondo Dio è vivere secondo la sua volontà e i suoi comandamenti,  credere in colui che egli ha mandatoGv 6,29:

Gal 6,14Quanto a me invece non ci sia altro vanto che nella croce del Signore nostro Gesù Cristo, per mezzo della quale il mondo per me è stato crocifisso, come io per il mondo.”

Dove troverò la forza? Chi mi salverà dal male?

2Ts 3,3Ma il Signore è fedele; egli vi confermerà e vi custodirà dal maligno.”


Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: