Skip to content

La dimensione spirituale della persona alla base di un autentico sviluppo

20 agosto 2009

il commento di Riccardo Moro sulla Caritas in veritate

“Se l’uomo fosse solo frutto o del caso o della necessità”, se “non avesse una natura destinata a trascendersi in una vita soprannaturale, si potrebbe parlare di incremento o di evoluzione ma non di sviluppo”: è uno dei passaggi dell’Enciclica “Caritas in veritate”. Il Papa sottolinea dunque che non c’è sviluppo autentico se si nega la dimensione spirituale della persona. Dio, infatti, scrive Benedetto XVI,

“è il garante del vero sviluppo dell’uomo” poiché avendolo creato a sua immagine “ne alimenta il costitutivo anelito ad essere di più”.

Su questa visione dello sviluppo umano delineata nell’Enciclica, Alessandro Gisotti ha intervistato l’economista Riccardo Moro, direttore della Fondazione Giustizia e Solidarietà della Cei:

R. – Nel momento in cui noi immaginiamo lo sviluppo come una successione quasi meccanica e automatica di fasi, noi sostanzialmente equipariamo l’uomo ad una sorta di macchina. Nel momento in cui l’uomo è immagine e somiglianza di Dio, ma anche secondo altre prospettive e concezioni religiose, in ogni caso l’uomo è un essere vivente che in qualche modo partecipa di una vita che la dimensione della divinità gli offre, alla quale la dimensione della divinità lo chiama, con una serie di talenti complessivi. Allora, in questo senso, lo sviluppo è il risultato della interazione di questi talenti tra le persone, che offre sempre dei risultati nuovi.

D. – Il fondamentalismo religioso, scrive il Papa, come il terrorismo, e in definitiva la negazione della libertà religiosa, contrastano lo sviluppo autentico della persona e dei popoli: un richiamo quanto mai attuale, pensando anche alla cronaca quotidiana, alla situazione in tanti Paesi, dall’Iraq al Pakistan…

R. – Certo, se educare all’ateismo comportava una negazione della persona umana, della sua complessità, analogamente la degenerazione opposta del fondamentalismo religioso, per cui la persona non ha più la sua libertà personale, ma deve aderire ad un sistema di regole, di comportamenti, definiti da altri, non può che sterilizzare, inibire le capacità che gli uomini hanno di interagire tra di loro e di creare cose nuove.

D. – L’uomo non è una macchina. E’ possibile, dunque, auspicabile, che si guardi all’economia non solo con parametri meramente produttivistici. Questa crisi che è all’inizio della sua conclusione potrebbe aiutare anche a ripensare il modello di sviluppo?

R. – La crisi finanziaria è sicuramente un’occasione. Esiste un dibattito da questo punto di vista per riflettere sulle ragioni di quella crisi che molti interpretano anche come una mancanza di etica. Ora, la questione dell’etica nell’economia non è una questione di discorsi retorici o romantici o moralistici, è una questione molto precisa: nel momento in cui le relazioni commerciali e finanziarie, e più generalmente economiche, non guardano, oltre che all’interesse della mia parte, al bene comune, cioè all’interesse anche dell’altro, a che cosa capita nel contesto in cui io opero, in ragione delle scelte che percorro, il rischio è che succeda quello che è capitato nel sistema finanziario. Allora, nel momento in cui io siglo un contratto non devo pensare solo a quanto guadagnerò io, ma devo guardare anche a cosa capita nel contesto, e questa è un’assunzione etica. Dire che ci vuole etica nell’economia significa esattamente dire questo, che dobbiamo porci il problema di quali sono le conseguenze delle nostre scelte, dei nostri contratti, delle nostre firme sul contesto generale. Senza questa attenzione, io perseguo l’interesse e lo ottengo nel breve periodo, ma nel medio e lungo periodo incontro dei problemi gravi esattamente come quelli che si sono determinati.

radiovaticana

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: