Skip to content

primi elementi della dottrina cristiana

Primi elementi

della

DOTTRINA CRISTIANA

tratti dal Catechismo

pubblicato per ordine

di Sua Santità Papa Pio X

Torino 1 febbraio 1913

Formule da sapersi a memoria

I due misteri principali della fede

1 Unità e Trinità di Dio;

2 Incarnazione, Passione e Morte del Nostro Signor Gesù Cristo.

I due comandamenti della carità.

1. Amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima e con tutta la tua mente.

2. Amerai il prossimo tuo come te stesso.

I dieci comandamenti di Dio

Io sono il Signore Dio tuo:

1. Non avrai altro Dio fuori che me.

2. Non nominare il nome di Dio invano.

3. Ricordati di santificare le feste.

4. Onora il padre e la madre.

5. Non ammazzare.

6. Non commettere atti impuri.

7. Non rubare.

8. Non dire falsa testimonianza.

9. Non desiderare la donna d’altri.

10. Non desiderare la roba d’altri.

I cinque precetti generali della Chiesa.

1. Udir la Messa la domenica e le altre feste comandate.

2. Non mangiar carne nel venerdì e negli altri giorni proibiti, e digiunare nei giorni prescritti.

3. Confessarsi almeno una volta l’anno, e comunicarsi almeno a Pasqua.

4. Sovvenire alle necessità della Chiesa contribuendo secondo le leggi o le usanze.

5. Non celebrare solennemente le nozze nei tempi proibiti.

I sette sacramenti.

1 Battesimo,

2 Cresima,

3 Eucaristia,

4 Penitenza,

5 Estrema Unzione,

6 Ordine,

7 Matrimonio.

I sette doni dello Spirito Santo.

1 Sapienza,

2 intelletto,

3 consiglio,

4 fortezza,

5 scienza,

6 pietà,

7 timor di Dio.

Le tre virtù teologali.

1 Fede,

2 speranza,

3 carità.

Le quattro virtù cardinali.

1 Prudenza,

2 giustizia,

3 fortezza,

4 temperanza.

Le sette opere di misericordia corporale.

1 Dar da mangiare agli affamati;

2 dar da bere agli assetati;

3 vestire gli ignudi;

4 alloggiare i pellegrini;

5 visitare gl’infermi;

6 visitare i carcerati;

7 seppellire i morti.

Le sette opere di misericordia spirituale.

1 Consigliare i dubbiosi;

2 insegnare agli ignoranti;

3 ammonire i peccatori;

4 consolare gli afflitti;

5 perdonare le offese;

6 sopportare pazientemente le persone moleste;

7 pregare Dio per i vivi e per i morti.

I sette vizi capitali.

1 Superbia,

2 avarizia,

3 lussuria,

4 ira,

5 gola,

6 invidia,

7 accidia

I sei peccati contro lo Spirito Santo.

1 Disperazione della salute;

2 presunzione di salvarsi senza merito;

3 impugnare la verità conosciuta;

4 invidia della grazia altrui;

5 ostinazione nei peccati;

6 impenitenza finale.

I quattro peccati che gridano vendetta al cospetto di Dio.

1 Omicidio volontario;

2 peccato impuro contro natura;

3 oppressione dei poveri;

4 defraudare la mercede agli operai.

I quattro Novissimi.

1 Morte,

2 giudizio,

3 inferno,

4 paradiso.

Verità principali della fede

1. Chi ci ha creato?

Ci ha creato Dio.

2. Chi è Dio?

Dio è l’Essere perfettissimo, Creatore e Signore del cielo e della terra.

3. Che significa perfettissimo?

Perfettissimo significa che in Dio è ogni perfezione, senza difetto e senza limiti, ossia che Egli è potenza, sapienza e bontà infinita.

4. Che significa Creatore?

Creatore significa che Dio ha fatto dal nulla tutte le cose.

5. Che significa Signore?

Signore significa che Dio è padrone assoluto di tutte le cose.

6. Dio ha corpo come noi?

Dio non ha corpo, ma è purissimo spirito.

7. Dov’è Dio?

Dio è in cielo, in terra e in ogni luogo: Egli è l’Immenso.

8. Dio è sempre stato?

Dio è sempre stato e sempre sarà: Egli è l’Eterno.

9. Dio sa tutto?

Dio sa tutto, anche i nostri pensieri: Egli è l’Onnisciente.

10. Dio può far tutto?

Dio può far tutto ciò che vuole: Egli è l’Onnipotente.

11. Dio può fare anche il male?

Dio non può fare il male, perché non può volerlo, essendo bontà infinita.

12. Dio ha cura delle cose create?

Dio ha cura e provvidenza delle cose create, e le conserva e dirige tutte al proprio fine, con sapienza, bontà e giustizia infinita.

13. Per qual fine Dio ci ha creati?

Dio ci ha creati per conoscerlo, amarlo e servirlo in questa vita, e per goderlo poi nell’altra in paradiso.

14. Che cos’è il paradiso?

Il paradiso è il godimento eterno di Dio, nostra felicità, e, in Lui, di ogni altro bene, senza alcun male.

15. Chi merita il paradiso?

Merita il paradiso chi è buono, ossia chi ama e serve fedelmente Dio, e muore nella sua grazia.

16. I cattivi che non servono Dio e muoiono in peccato mortale, che cosa meritano?

I cattivi che non servono Dio e muoiono in peccato mortale, meritano l’inferno.

17. Che cos’è l’inferno?

L’inferno è il patimento eterno della privazione di Dio, nostra felicità, e del fuoco, con ogni altro male, senza alcun bene.

18. Che cos’è il purgatorio?

Il purgatorio è il patimento temporaneo della privazione di Dio, e di altre pene che tolgono dall’anima ogni resto di peccato.

19. Perché Dio premia i buoni e castiga i cattivi?

Dio premia i buoni e castiga i cattivi, perché è la giustizia infinita.

20. Dio è uno solo?

Dio è uno solo, ma in tre Persone uguali e distinte, che sono la santissima Trinità.

21. Come si chiamano le tre Persone della santissima Trinità?

Le tre persone della santissima Trinità si chiamano Padre, Figliuolo e Spirito Santo.

22. Qual è la prima persona della santissima Trinità?

La prima persona della santissima Trinità è il Padre.

23. Qual è la seconda Persona della santissima Trinità?

La seconda Persona della santissima Trinità è il Figliuolo.

24. Qual e’ la terza Persona della santissima Trinità?

La terza Persona della santissima Trinità è lo Spirito Santo.

25. Ogni Persona della santissima Trinità è Dio?

Si, ogni Persona della santissima Trinità è Dio.

26. Delle tre Persone della santissima Trinità si è incarnata e fatta uomo alcuna?

Delle tre Persone della santissima Trinità si è incarnata e fatta uomo la seconda, cioè Il Figliuolo.

27. Come si chiama il Figliuolo di Dio fatto uomo?

Il Figliuolo di Dio fatto uomo si chiama Gesù Cristo.

28. Chi è Gesù Cristo?

Gesù Cristo è la seconda Persona della santissima Trinità, cioè il Figliuolo di Dio fatto uomo.

29. Gesù Cristo è Dio e uomo?

Si, Gesù Cristo è vero Dio e vero uomo.

30. Perché il Figliuolo di Dio si fece uomo?

Il Figliuolo di Dio si fece uomo per salvarci, cioè per redimerci dal peccato e riacquistarci il paradiso.

31. Che fece Gesù Cristo per salvarci?

Gesù Cristo per salvarci soddisfece per i nostri peccati patendo e sacrificando se stesso sulla Croce, e c’insegnò a vivere secondo Dio.

32. Per vivere secondo Dio, che cosa dobbiamo fare?

Per vivere secondo Dio, dobbiamo CREDERE LE VERITÀ RIVELATE da Lui e OSSERVARE I SUOI COMANDAMENTI, con l’aiuto della sua GRAZIA, che si ottiene mediante i SACRAMENTI e l’ORAZIONE.

33. Quali sono le verità rivelate da Dio?

Le verità rivelate da Dio sono principalmente quelle compendiate nel Credo o Simbolo Apostolico.

34. Che cos’è’ il Credo o Simbolo apostolico?

Il Credo o Simbolo apostolico è una professione dei misteri principali e di altre verità rivelate da Dio e insegnate dalla Chiesa.

35. Che cos’è la Chiesa?

La Chiesa è la società dei veri cristiani, cioè dei battezzati che professano la fede e dottrina di Gesù Cristo, partecipano a’ suoi sacramenti e ubbidiscono ai Pastori stabiliti da Lui.

36. Da chi fu fondata la Chiesa?

La Chiesa fu fondata da Gesù Cristo.

37. Qual e’ la Chiesa di Gesù Cristo?

La Chiesa di Gesù Cristo è la Chiesa Cattolica-Romana, perché essa sola è una, santa, cattolica e apostolica, quale Egli la volle.

38. Chi sono i legittimi Pastori della Chiesa?

I legittimi Pastori della Chiesa sono il Papa o Sommo Pontefice e i Vescovi uniti con lui.

39. Chi è il Papa?

Il Papa è il successore di san Pietro, quindi il capo visibile di tutta la Chiesa, Vicario di Gesù Cristo, capo invisibile.

40. Il Papa e i Vescovi uniti con lui che cosa costituiscono?

Il Papa e i Vescovi uniti con lui costituiscono la Chiesa docente, chiamata così perché ha la missione d’insegnare le verità e le leggi divine.

41. La Chiesa docente può errare nell’insegnarci le verità rivelate da Dio?

La Chiesa docente non può errare nell’insegnarci le verità rivelate da Dio; essa è infallibile, perché lo Spirito di verità l’assiste continuamente.

42. Il Papa, da solo, può errare nell’insegnarci le verità rivelate da Dio?

Il Papa da solo, non può errare nell’insegnarci le verità rivelate da Dio, ossia è infallibile come la Chiesa.

43. Quali sono i misteri principali della Fede professati nel Credo?

I misteri principali della Fede professati nel Credo sono due: l’Unità e Trinità di Dio; l’Incarnazione, Passione e Morte del Nostro Signor Gesù Cristo.

44. I due misteri principali della Fede li professiamo ed esprimiamo anche in altra maniera?

Professiamo ed esprimiamo i due misteri principali della Fede anche col segno della Croce.

45. Come si fa il segno della Croce?

Il segno della Croce si fa portando la mano destra alla fronte, e dicendo: In nome del Padre; poi al petto dicendo: e del figliuolo; quindi alla spalla sinistra e alla destra dicendo: e dello Spirito Santo; e si termina con le parole Così sia.

46. Nel segno della Croce, come esprimiamo noi i due misteri principali della Fede?

Nel segno della Croce, con le parole esprimiamo l’Unità e Trinità di Dio, e con la figura della Croce, la Passione e la Morte del Nostro Signor Gesù Cristo.

47. Dio creò soltanto ciò che è materiale nel mondo?

Dio non creò soltanto ciò che è materiale nel mondo, ma anche i puri spiriti e crea l’anima di ogni uomo.

48. Chi sono i puri spiriti?

I puri spiriti sono esseri intelligenti senza corpo.

49. Chi sono gli Angeli?

Gli Angeli sono i ministri invisibili di Dio, ed anche nostri Custodi, avendo Dio affidato ciascun uomo ad uno di essi.

50. I demòni chi sono?

I demòni sono angeli ribellatisi a Dio per superbia e precipitati nell’inferno, i quali, per odio contro Dio, tentano l’uomo al male.

51. Chi è l’uomo?

L’uomo è un essere ragionevole, composto d’anima e di corpo.

52. Che cos’è l’anima?

L’anima è la parte spirituale dell’uomo per cui egli vive, intende ed è libero.

53. L’anima dell’uomo muore col corpo?

L’anima dell’uomo non muore col corpo ma vive in eterno essendo spirituale.

54. Qual cura dobbiamo avere dell’anima?

Dell’anima dobbiamo avere la massima cura, perché solo salvando l’anima saremo eternamente felici.

55. In che modo il Figliuolo di Dio si è fatto uomo?

Il Figliuolo di Dio si è fatto uomo, prendendo un corpo e un’anima, come abbiamo noi, nel seno purissimo di Maria Vergine per opera dello Spirito Santo.

56. Il Figliuolo di Dio, facendosi uomo, cessò di esser Dio?

Il Figliuolo di Dio, facendosi uomo, non cessò di esser Dio, ma restando vero Dio, cominciò ad essere anche vero uomo.

57. Da chi nacque Gesù Cristo?

Gesù Cristo nacque da Maria sempre Vergine, la quale perciò si chiama ed è vera Madre di Dio.

58. San Giuseppe non fu padre di Gesù Cristo?

San Giuseppe non fu il padre vero di Gesù Cristo, ma padre putativo, come custode di Lui.

59. Dove nacque Gesù Cristo?

Gesù Cristo nacque a Betlemme, in una stalla, e fu posto in una mangiatoia.

60. Perché Gesù Cristo volle esser povero?

Gesù Cristo volle esser povero per insegnarci ad esser umili e a non riporre la felicità nelle ricchezze, negli onori e nei piaceri del mondo.

61. Gesù Cristo morì come Dio o come uomo?

Gesù Cristo morì come uomo perché come Dio non poteva né patire né morire.

62. Dopo la morte che fu di Gesù Cristo?

Dopo la morte, Gesù Cristo discese con l’anima al Limbo; poi risuscitò, ripigliando il suo corpo che era stato sepolto.

63. Che fece Gesù Cristo dopo la sua risurrezione?

Gesù Cristo dopo la sua risurrezione, rimase in terra quaranta giorni, poi salì al cielo, dove siede alla destra di Dio Padre onnipotente.

64. Ora Gesù Cristo è solamente in cielo?

Ora Gesù Cristo non è solamente in cielo, ma come Dio è in ogni luogo, e come Dio e uomo è in cielo e nel santissimo sacramento dell’altare.

65. Gesù Cristo tornerà mai più visibilmente su questa terra?

Gesù Cristo tornerà visibilmente su questa terra alla fine del mondo per giudicare i vivi e i morti, ossia tutti gli uomini, buoni e cattivi.

66. Gesù Cristo per giudicarci aspetterà sino alla fine del mondo?

Gesù Cristo per giudicarci non aspetterà sino alla fine del mondo, ma giudicherà ciascuno subito dopo la morte.

67. Di che cosa ci giudicherà Gesù Cristo?

Gesù Cristo ci giudicherà del bene e del male operato in vita, anche dei pensieri e delle omissioni.

68. Che cosa ci attende alla fine di questa vita?

Alla fine di questa vita ci attendono i dolori e lo sfacelo della morte e il giudizio particolare.

69. Che cosa ci attende alla fine del mondo?

Alla fine del mondo ci attende la risurrezione della carne e il giudizio universale.

70. Che significa risurrezione della carne?

Risurrezione della carne significa che il nostro corpo, per virtù di Dio, si ricomporrà e si riunirà all ‘anima per partecipare, nella vita eterna, al premio o al castigo.

71. Che significa vita eterna?

Vita eterna significa che il premio, come la pena, durerà in eterno, e che la vista di Dio sarà la vera vita e felicità dell’anima.

Morale cristiana

72. Che cosa sono i comandamenti di Dio?

I comandamenti di Dio o Decàlogo sono le leggi morali che Dio nel Vecchio Testamento diede a Mosè sul Monte Sinai, e Gesù Cristo perfezionò nel Nuovo.

73. Siamo obbligati a osservare i comandamenti di Dio?

Siamo obbligati a osservare i comandamenti di Dio, perché sono imposti da Lui, nostro Padrone supremo, e dettati dalla natura e dalla sana ragione.

74. Chi trasgredisce i comandamenti di Dio pecca gravemente?

Chi deliberatamente trasgredisce anche un solo comandamento di Dio in materia grave, pecca gravemente contro Dio, e perciò merita l’inferno.

75. Che cos’è il peccato?

Il peccato è un offesa fatta a Dio, disobbedendo alla sua legge.

76. Di quante specie è il peccato?

Il peccato è di due specie: originale e attuale.

77. Qual’è il peccato originale?

Il peccato originale è il peccato che l’umanità commise in Adamo suo capo, e che da Adamo ogni uomo contrae per natural discendenza.

78. Tra i figli di Adamo fu preservato mai nessuno dal peccato originale?

Tra i figli di Adamo fu preservata dal peccato originale solo Maria santissima.

79. Come si cancella il peccato originale?

Il peccato originale si cancella col santo Battesimo.

80. Qual’è il peccato attuale?

Il peccato attuale è quello che si commette volontariamente da chi ha l’uso di ragione.

81. In quanti modi si commette il peccato attuale?

Il peccato attuale si commette in quattro modi, cioè in pensieri, in parole, in opere ed in omissioni.

82. Di quante specie è il peccato attuale?

Il peccato attuale è di due specie: mortale e veniale.

83. Che cos’è il peccato mortale?

Il peccato mortale è una disubbidienza alla legge di Dio in cosa grave, fatta con piena avvertenza e deliberato consenso.

84. Che cos’è il peccato veniale?

Il peccato veniale è una disubbidienza alla legge di Dio in cosa leggera, o in cosa grave, ma senza tutta l’avvertenza e il consenso.

85. Che ci ordina il primo comandamento Io sono il Signore Dio tuo: non avrai altro Dio fuori che me?

Il primo comandamento Io sono il Signore Dio tuo: non avrai altro Dio fuori che me ci ordina di essere religiosi, cioè di credere in Dio e di amarlo, adorarlo e servirlo.

86. Che ci proibisce il primo comandamento?

Il primo comandamento ci proibisce l’empietà, la superstizione, l’irreligiosità, l’eresia e l’ignoranza delle verità della Fede.

87. Che ci proibisce il secondo comandamento non nominare il nome di Dio invano?

Il secondo comandamento non nominare il nome di Dio invano ci proibisce di nominarlo senza rispetto, di bestemmiare, di far giuramenti falsi o illeciti.

88. Che ci ordina il secondo comandamento?

Il secondo comandamento ci ordina di avere sempre riverenza per il nome santo di Dio, e di adempiere i voti e le promesse giurate.

89. Che ci ordina il terzo comandamento ricòrdati di santificare le feste?

Il terzo comandamento ricòrdati di santificare le feste ci ordina di onorare Dio nei giorni di festa con atti di culto esterno, dei quali per i cristiani l’essenziale è la santa Messa.

90. Che ci proibisce il terzo comandamento?

Il terzo comandamento ci proibisce nei giorni di festa le opere servili.

91. Quali opere si dicon servili?

Si dicon opere servili i lavori manuali propri degli artigiani e degli operai.

92. Che cosa ci ordina il quarto comandamento onora il padre e la madre?

Il quarto comandamento onora il padre e la madre ci ordina di amare, rispettare e ubbidire i genitori e i nostri superiori in autorità.

93. Che ci proibisce il quarto comandamento?

Il quarto comandamento ci proibisce di offendere i genitori e i superiori in autorità e di disubbidirli.

94. Che ci proibisce il quinto comandamento non ammazzare?

Il quinto comandamento non ammazzare ci proibisce l’omicidio, il suicidio, il duello, i ferimenti, le percosse, le ingiurie, le imprecazioni e lo scandalo.

95. Che ci ordina il quinto comandamento?

Il quinto comandamento ci ordina di voler bene a tutti, anche ai nemici, e di riparare il male corporale e spirituale fatto al prossimo.

96. Che ci proibisce il sesto comandamento non commettere atti impuri?

Il sesto comandamento non commettere atti impuri ci proibisce ogni impurità: perciò le azioni, le parole, gli sguardi, i libri, le immagini, gli spettacoli immorali.

97. Che ci ordina il sesto comandamento?

Il sesto comandamento ci ordina di essere ” santi nel corpo “, portando il massimo rispetto alla propria e all’altrui persona come opera di Dio e tempî dove Egli abita con la presenza e con la grazia.

98. Che ci proibisce il settimo comandamento non rubare?

Il settimo comandamento non rubare ci proibisce di danneggiare il prossimo nella roba.

99. Che ci ordina il settimo comandamento?

Il settimo comandamento ci ordina di restituire la roba degli altri, di riparare i danni colpevolmente arrecati, di pagare i debiti e la giusta mercede agli operai.

100. Che ci proibisce l’ottavo comandamento non dir falsa testimonianza?

L’ottavo comandamento non dir falsa testimonianza ci proibisce ogni falsità e il danno ingiusto dell’altrui fama.

101. Che ci ordina l’ottavo comandamento?

L’ottavo comandamento ci ordina di dire a tempo e luogo la verità, e d’interpretare in bene, possibilmente, le azioni del prossimo.

102. Chi ha danneggiato il prossimo nel buon nome accusandolo falsamente o sparlandone a che cosa è obbligato?

Chi ha danneggiato il prossimo nel buon nome accusandolo falsamente o sparlandone deve riparare, per quanto può, il danno arrecato.

103. Che ci proibisce il nono comandamento non desiderare la donna d’altri?

Il nono comandamento non desiderare la donna d’altri ci proibisce i pensieri e desiderii cattivi.

104. Che ci ordina il nono comandamento?

Il nono comandamento ci ordina la perfetta purezza dell’anima.

105. Che ci proibisce il decimo comandamento non desiderare la roba d’altri?

Il decimo comandamento non desiderare la roba d’altri ci proibisce l’avidità sfrenata delle ricchezze.

106. Che ci ordina il decimo comandamento?

Il decimo comandamento ci ordina di essere giusti e moderati nel desiderio di migliorare la propria condizione, e di soffrire con pazienza le strettezze e le altre miserie.

107. Quali sono le virtù proprie del cristiano?

Le virtù proprie del cristiano sono le virtù soprannaturali e specialmente la fede, la speranza e la carità, che si chiamano teologali o divine.

108. Che cos’è la fede?

La fede è quella virtù soprannaturale per cui crediamo, sull’autorità di Dio, ciò che Egli ha rilevato e ci propone a credere per mezzo della Chiesa.

109. Che cos’è la speranza?

La speranza è quella virtù soprannaturale per cui confidiamo in Dio, e da Lui aspettiamo la vita eterna e le grazie necessarie per meritarla quaggiù con le buone opere.

110. Che cos’è la carità?

La carità è quella virtù soprannaturale per cui amiamo Dio per se stesso sopra ogni cosa, e il prossimo come noi medesimi per amor di Dio.

111. Quali sono le principali virtù morali?

Le principali virtù morali sono: la religione che ci fa rendere a Dio il culto dovuto, e le quattro virtù CARDINALI, prudenza, giustizia, fortezza e temperanza, che ci fanno onesti nel vivere.

Mezzi della grazia

112. Che cosa sono i sacramenti?

I sacramenti sono segni efficaci della grazia, istituiti da Gesù Cristo per santificarci.

113. Quante cose si richiedono per fare un sacramento?

Per fare un sacramento si richiedono tre cose: la materia, la forma e il ministro, il quale abbia l’intenzione di fare ciò che fa la Chiesa.

114. Che cos’è la materia del sacramento?

Materia del sacramento è l’elemento sensibile che si richiede per farlo, come l’acqua nel Battesimo.

115. Che cos’è la forma del sacramento?

Forma del sacramento sono le parole che il ministro deve proferire nell’atto stesso di applicare la materia.

116. Chi è il ministro del sacramento?

Ministro del sacramento è la persona capace che lo fa o conferisce, in nome e per autorità di Gesù Cristo.

117. Come ci santificano i sacramenti?

I sacramenti ci santificano o col darci la prima grazia santificante che cancella il peccato, o coll’accrescerci quella grazia che già possediamo.

118. Quali sacramenti ci danno la prima grazia?

Ci dànno la prima grazia il Battesimo e la Penitenza, che si chiamano sacramenti dei morti, perché donano la vita della grazia alle anime morte per il peccato.

119. Quali sacramenti ci accrescono la grazia?

Ci accrescono la grazia la Cresima, l’Eucaristia, l’Estrema Unzione, l’Ordine e il Matrimonio, che si chiamano sacramenti dei vivi, perché chi li riceve deve già vivere spiritualmente per la grazia di Dio.

120. Chi riceve un sacramento dei vivi sapendo di non essere in grazia di Dio, commette peccato?

Chi riceve un sacramento dei vivi sapendo di non essere in grazia di Dio, commette peccato gravissimo di sacrilegio, perché riceve indegnamente una cosa sacra.

121. Che dobbiamo fare per conservar la grazia dei sacramenti?

Per conservare la grazia dei sacramenti dobbiamo corrispondere con l’azione propria, operando il bene e fuggendo il male.

122. Quante volte si possono ricevere i sacramenti?

I sacramenti si possono ricevere alcuni più volte, altri una volta sola.

123. Quali sacramenti si ricevono una volta sola?

Si ricevono una volta sola il Battesimo la Cresima e l’Ordine.

124. Perché il Battesimo, la Cresima e l’Ordine si ricevono una volta sola?

Il Battesimo, la Cresima e l’Ordine si ricevono una volta sola, perché imprimono nell’anima un carattere permanente.

125. Che cos’è il carattere?

Il carattere è un segno distintivo spirituale che non si cancella mai più.

126. Qual carattere imprimono nell’anima il Battesimo, la Cresima e l’Ordine?

Il Battesimo imprime nell’anima il carattere di Cristiano; la Cresima quello di soldato di Gesù Cristo; l’Ordine quello di suo ministro.

127. Che cos’è il Battesimo?

Il Battesimo è il sacramento che ci fa cristiani, cioè seguaci di Gesù Cristo, figli di Dio e membri della Chiesa.

128. Come si dà il Battesimo?

Il Battesimo si dà versando l’acqua sul capo del battezzando, e dicendo nello stesso tempo le parole della forma.

129. Qual è la forma dei Battesimo?

Forma del Battesimo sono le parole: Io ti battezzo in nome del Padre e del Figliuolo e dello Spirito Santo.

130. Chi è ministro del Battesimo?

Ministro del Battesimo è, d’ordinario, il sacerdote, ma, in caso di necessità, può essere chiunque, purché abbia l’intenzione di fare ciò che fa la chiesa.

131. Che cos’è la Cresima o Confermazione?

La Cresima o Confermazione è il sacramento che ci fa perfetti cristiani e soldati di Gesù Cristo, e ce ne imprime il carattere.

132. Chi è il ministro della Cresima?

Ministro della Cresima è il Vescovo.

133. In che modo la Cresima ci fa perfetti cristiani e soldati di Gesù Cristo?

La Cresima ci fa perfetti cristiani e soldati di Gesù Cristo dandoci l’abbondanza dello Spirito Santo, cioè della sua grazia e de’ suoi doni.

134. Chi riceve la Cresima, quali disposizioni deve avere?

Chi riceve la Cresima deve essere m grazia di Dio, e, se ha l’uso di ragione, deve conoscere i misteri principali della Fede, e accostarsi al sacramento con divozione.

135. Che cos’è l’Eucaristia?

L’Eucaristia è il sacramento che, sotto le apparenze del pane e del vino contiene realmente Corpo, Sangue, Anima e Divinità del Nostro Signor Gesù Cristo, per nutrimento delle anime.

136. Nell’Eucaristia c’è lo stesso Gesù Cristo che è in Cielo, e che nacque in terra da Maria Vergine?

Nell’Eucaristia c’è lo stesso Gesù Cristo che è in cielo, e che nacque in terra da Maria Vergine.

137. Quando diventano Corpo e Sangue di Gesù il pane e il vino?

Il pane e il vino diventano Corpo e sangue di Gesù al momento della consacrazione nella Messa.

138. Dopo la consacrazione non c’è più niente del pane e del vino?

Dopo la consacrazione non c’è più né pane né vino, ma ne restano solamente le specie o apparenze, senza la sostanza.

139. Quando si rompe l’ostia in più parti, si rompe il Corpo di Gesù Cristo?

Quando si rompe l’ostia in più parti, non si rompe il Corpo di Gesù Cristo, ma solamente le specie del pane; e il Corpo del Signore rimane intero in ciascuna parte.

140. Gesù Cristo si trova in tutte le Ostie consacrate del mondo?

Sì, Gesù Cristo si trova in tutte le ostie consacrate del mondo.

141. Quante cose sono necessarie per fare una buona comunione?

Per fare una buona comunione sono necessarie tre cose: 1° essere in grazia di Dio; 2° sapere e pensare chi si va a ricevere; 3° essere digiuno dalla mezzanotte.

142. Che significa essere in grazia di Dio?

Essere in grazia di Dio significa avere la coscienza monda da ogni peccato mortale.

143. Qual digiuno si richiede prima della comunione?

Prima della comunione si richiede il digiuno naturale ossia totale, che si rompe con qualunque cosa presa a modo di cibo o di bevanda.

144. C’è obbligo di ricevere la comunione?

C’è obbligo di ricevere la comunione ogni anno a Pasqua, e in pericolo di morte come viatico.

145. A qual età comincia l’obbligo della comunione pasquale?

L’obbligo della comunione pasquale comincia, d’ordinario, circa i sette anni.

146. È cosa buona e utile comunicarsi spesso?

È cosa ottima e utilissima comunicarsi spesso, anche tutti i giorni, purché si faccia sempre con le dovute disposizioni.

147. Che cos’è la santa Messa?

La santa Messa è il sacrificio del Corpo e del Sangue di Gesù Cristo che, sotto le specie del pane e del vino, si offre dal sacerdote a Dio sull’altare in memoria e rinnovazione del sacrificio della Croce.

148. Siamo obbligati ad ascoltare la Messa?

Siamo obbligati ad ascoltare la Messa la domenica e le altre feste comandate.

149. Che cos’è la Penitenza?

La Penitenza o Confessione è il sacramento istituito da Gesù Cristo per rimettere i peccati commessi dopo il Battesimo.

150. Quante e quali cose si richiedono per fare una buona confessione?

Per fare una buona confessione si richiedono cinque cose: 1° l’esame di coscienza: 2° il dolore dei peccati; 3° il proponimento di non commetterne più; 4° la confessione; 5° la soddisfazione o penitenza.

151. Come si fa l’esame di coscienza?

L’esame di coscienza si fa richiamando alla mente i peccati commessi, a cominciare dall’ultima confessione ben fatta.

152. Che cos’è il dolore?

Il dolore o pentimento è quel dispiacere e odio dei peccati commessi, che ci fa proporre di non più peccare.

153. È necessario aver dolore di tutti i peccati commessi?

È necessario aver dolore di tutti i peccati mortali commessi, senza eccezione; e conviene averlo anche dei veniali.

154. Che cos’è il proponimento?

Il proponimento è la volontà risoluta di non commettere mai più peccati e di fuggirne le occasioni.

155. Che cos’è la confessione?

La confessione è l’accusa dei peccati fatta al sacerdote confessore, per averne l’assoluzione.

156. Di quali peccati siamo obbligati a confessarci?

Siamo obbligati a confessarci di tutti i peccati mortali non ancora confessati o confessati male, giova però confessare anche i veniali.

157. Chi per vergogna tacesse un peccato mortale, farebbe una buona confessione?

Chi per vergogna tacesse un peccato mortale, non farebbe una buona confessione, ma commetterebbe un sacrilegio.

158. Che deve fare chi sa di non essersi confessato bene?

Chi sa di non essersi confessato bene, deve rifare le confessioni mal fatte e accusarsi dei sacrilegi commessi.

159. Che cos’è l’assoluzione?

L’assoluzione è la sentenza con cui il sacerdote, in nome di Gesù Cristo, rimette i peccati al penitente.

160. Che cos’è la soddisfazione o penitenza sacramentale?

La soddisfazione o penitenza sacramentale è l’opera buona imposta dal confessore a castigo e a correzione del peccatore, e a sconto della pena temporanea meritata peccando.

161. Che cos’è l’indulgenza?

L’indulgenza è una remissione di pena temporanea dovuta per i peccati, che la Chiesa concede sotto certe condizioni a chi è in grazia.

162. Di quante specie è l’indulgenza?

L’indulgenza è di due specie: plenaria e parziale.

163. Che si richiede per acquistare le indulgenze?

Per acquistare le indulgenze si richiede di essere in stato di grazia e di eseguire bene le opere prescritte.

164. Che cos’è l’Estrema Unzione?

L’Estrema Unzione, detta pure Olio santo, è il sacramento istituito a sollievo spirituale e anche corporale dei cristiani gravemente infermi.

165. Che cos’è l’Ordine?

L’Ordine è il sacramento che dà la potestà di compiere le azioni sacre riguardanti l’Eucaristia e la salute delle anime, e imprime il carattere di ministri di Dio.

166. Che cos’è il Matrimonio?

Il Matrimonio è il sacramento che unisce l’uomo e la donna indissolubilmente, come sono uniti Gesù Cristo e la Chiesa sua sposa, e dà loro la grazia di santamente convivere e di educare cristianamente i figliuoli.

167. Gli sposi nel contrarre il Matrimonio devono essere in grazia di Dio?

Gli sposi nel contrarre il Matrimonio debbono essere in grazia di Dio, altrimenti commettono un sacrilegio.

168. Come si contrae il Matrimonio?

Il Matrimonio si contrae esprimendo il mutuo consenso davanti al parroco, o a un sacerdote suo delegato, ed almeno a due testimoni.

169. Il Matrimonio celebrato in questa forma consegue in Italia anche gli effetti civili?

Il Matrimonio celebrato in questa forma consegue in Italia anche gli effetti civili, perché lo Stato italiano riconosce tali effetti al Sacramento del Matrimonio.

170. Che cos’è l’orazione?

L’orazione è una pia elevazione dell’anima a Dio.

171. Di quante specie è l’orazione?

L’orazione è di due specie: mentale e vocale.

172. Qual è l’orazione mentale?

L’orazione mentale è quella che si fa con la sola mente e col cuore.

173. Qual è l’orazione vocale?

L’orazione vocale, detta più comunemente preghiera, è quella che si fa con le parole accompagnate dalla mente e dal cuore.

174. Come si deve pregare?

Si deve pregare riflettendo che stiamo alla presenza dell’infinita maestà di Dio e abbiamo bisogno della sua misericordia; perciò dobbiamo essere umili, attenti e devoti.

175. È necessario pregare?

È necessario pregare e pregare spesso, perché Dio lo comanda, e, ordinariamente, solo se si prega, Egli concede le grazie spirituali e temporali.

176. Quali cose dobbiamo chiedere a Dio?

Dobbiamo chiedere a Dio la gloria sua, e per noi la vita eterna e le grazie anche temporali, come ci ha insegnato Gesù Cristo nel Pater noster.

177. Che cos’è il Pater noster?

Il Pater noster è la preghiera insegnata e raccomandata da Gesù Cristo.

178. Con qual preghiera specialmente, invochiamo noi la Madonna?

Noi invochiamo la Madonna specialmente con l’Ave Maria o Salutazione angelica.

179. Che cosa domandiamo alla Madonna con l’Ave Maria?

Con l’Ave Maria domandiamo alla Madonna la sua materna intercessione per noi in vita e in morte.

No comments yet

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: